Mixer
18.01.2018 - 12:310
Aggiornamento 19.06.2018 - 15:41

Can che abbaia... parla! Entro dieci anni potremo conversare con 'Fido'. lo sostiene un ricercatore americano che sta elaborando un algoritmo per tradurre versi, comportamenti ed espressioni canine

L’obiettivo è realizzare un dispositivo che possa tradurre in inglese pensieri come “Ho fame” o “Voglio andare a fare una passeggiata”

SAN FRANCISCO - Entro 10 anni potremmo essere in grado di comprendere il nostro cane grazie ai progressi dell'intelligenza artificiale nell'apprendimento automatico. Lo afferma il professor Con Slobodchikoff della Northern Arizona University che sta raccogliendo migliaia di video di cani impegnati in varie attività e posture.

Questo materiale servirà per insegnare a un algoritmo la comunicazione canina e tradurla in inglese, e poi nelle altre lingue del mondo. Un vero e proprio traduttore simultaneo.

Slobodchikoff, con l'aiuto di un informatico, sta sviluppando un algoritmo per tradurre i versi canini in inglese. E ha fondato una società, Zoolingua, che si occupa di tradurre in parole i suoni, le espressioni e i movimenti del corpo degli animali domestici. L’obiettivo è realizzare un dispositivo che possa tradurre in inglese pensieri come “Ho fame” o “Voglio andare a fare una passeggiata”.


Tags
algoritmo
tradurre versi
espressioni
© 2018 , All rights reserved