ULTIME NOTIZIE Archivio
Cantonali 2019
08.04.2019 - 21:490
Aggiornamento: 09.04.2019 - 00:26

Gran Consiglio, giochi fatti. Crolla la Lega, cresce l'UDC, il PLR mantiene la maggioranza. Stabili PPD, PS e Verdi. Boom MPS: 3 deputati!

Esce Montagna Viva. Non ce la fanno Massimo Suter e Franco Denti. Ecco alcuni volti nuovi e i grandi bocciati

BELLINZONA – Con grande ritardo si è chiuso in serata anche lo spoglio delle schede per il Gran Consiglio. Colpa dei nuovi scanner che non riuscivano a leggere le crocette. Vabbè...

 

Sia come sia, il dato più rilevante è il calo di consensi per la Lega dei Ticinesi, che passa dal 24.24% del 2015 al 19.15%, con una perdita di oltre il 5%, che significa 4 seggi in meno in Parlamento. L’UDC ne guadagna 2, passando dal 5.77% de La Destra di 4 anni fa al 6.57%.

 

In calo anche il PLR, che ha perso un seggio passando dal 26.73% del 2015 al 25.57%. Ma il partito di Bixio Caprara conferma la maggioranza relativa in Parlamento. Cede una poltrona anche il PPD, nonostante una tenuta percentuale dal 18.58% al 18.43%. 


I socialisti, per contro, conservano i propri seggi nonostante una lieve flessione (dal 14.64% al 14.56%).

 

Scompare dai radar parlamentari Montagna Viva di Germano Mattei, mentre si affaccia con un ottimo risultato la formazione Più Donne. Triplete per l'MPS.

 

Ecco i principali dati relativi agli eletti e ai partiti.

 

PLR - 23 seggi

 

Il capogruppo Alex Farinelli, che era in lista anche per il Consiglio di Stato, è il più votato in casa PLR, con 54'246 personali, seguito dal presidente, Bixio Caprara, con 46'260, e da uno strepitoso Nicola Pini, con 43'649. Quarta Natalia Ferrara, che ottiene 41'058 crocette, seguita da due candidati al Governo, Alessandro Speziali e Sebastiano Gaffuri, rispettivamente con 40'900 e 40'829 preferenziali.

 

Entrano in Parlamento anche la municipale di Ascona Michela Ris e il sindaco di Cadenazzo, Marco Bertoli. Massimo Suter, presidente di GastroTicino, fallisce invece ancora una volta l’obiettivo.

 

Lega – 18 seggi

 

Il capogruppo Daniele Caverzasio, che era in lista anche il Consiglio di Stato, è il più votato sulla lista della Lega con 40'020 voti, tallonato però da Boris Bignasca, con 39'719   , che batte il ‘Conte Zio’, Attilio Bignasca (38'224 voti). Seguono Michele Foletti, con 37'179 personali, e Amanda Rueckert, con 34'997.

 

Un chiaro segnale che qualche dinamica in via Monte Boglia andrà rivista, rimettendo in discussione la “granitica” istituzione dei Colonnelli, che di certo non ha guidato la Lega al successo. Basti dire che a Lugano, roccaforte leghista, ha vinto il PLR con il 24,25%, mentre la Lega è solo seconda, con il 23,83%. Quattro anni fa era in testa la Lega con il 29,42%, seguita al PLR con il 26,21%.

 

Entra in Gran Consiglio anche il sindaco leghista di Bioggio, Eolo Alberti, che ottiene 26'865 personali.

 

PPD - 16 seggi

 

Supervotazione per Giorgio Fonio, vicepresidente del PPD, che ottiene 36'686 preferenziali, seguito dal presidente, Fiorenzo Dadò, che ne ottiene 32'875, e da Nadia Ghsolfi, con 30'602. Il PPD mantiene il terzo seggio, lasciato da Fabio Bacchetta Cattori, a Locarno, e in Parlamento entra il vicesindaco, Paolo Caroni, che ottiene 25'162 personali.

 

PS – 13 seggi

 

In casa socialista fa il pieno di voti il capogruppo Ivo Durisch, con 30'939 personali, seguito dall’ex presidente del partito, Anna Biscossa, che ne ottiene 27'802 facendo segnare un grande ritorno. Fabrizio Sirica, che era in lista anche per il Governo, ottiene 25'811 crocette, seguito dal deputato Henrik Bang, con 25'770.

 

UDC – 7 seggi

 

Nella lista UDC domina il presidente, Piero Marchesi, che era in lista anche per il Consiglio di Stato, con 18'596 personali, seguito da una strepitosa Lara Filippini, con 16'116 crocette e da un altrettanto strepitoso Sergio Morisoli, che ottiene 15'468 personali. Solo quarta, con 14'455 voti, la seconda candidata al Governo, Roberta Soldati. Non ce la fa, invece, il presidente dell’Ordine dei medici, Franco Denti.

 

Verdi – 6 seggi

 

Sulla lista dei Verdi del Ticino domina Nicola Schoenenberger, che ottiene 14'324 personali, tallonato da Samantha Bourgoin, con 14'318.

 

MPS – 3 seggi

 

Il più votato sulla lista del Movimento per il socialismo è Matteo Pronzini, che ottiene ben 16'530 personali.

 

Più donne – 2 seggi

 

Le deputate uscenti dei Verdi, Tamara Merlo e Maristella Patuzzi, ottengono un grande risultato con Più donne e totalizzano rispettivamente 8'089 e 5'874 voti personali.

 

Partito comunista – 2 seggi

 

Il più votato nel PC è l’uscente Massimiliano Ay, che ottiene 6'728 personali.

 

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
ppd
consiglio
presidente
lega
seggi
lista
plr
verdi
seguito
voti
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved