ULTIME NOTIZIE Via Sicura
Via Sicura
2 anni
"Alcol alla guida: bisogna arrivare alla tolleranza zero”. "Ma Via Sicura è un fallimento". Il drammatico incidente mortale di Sigirino, riapre il dibattito tra gli esperti
Via Sicura
2 anni
È Andrea Tamborini la vittima del pirata della strada. Tornava dal suo lavoro a Locarno. E un lettore ci scrive: "Nulla potrà riportare a un figlio suo padre e a una moglie suo marito. Che almeno questo rimorso possa perseguitare fino alla fine dei suoi g
Via Sicura
3 anni
Gobbi vuole che il pirata della strada tedesco condannato a 30 mesi per i 10 sorpassi nel Gottardo con punte di 200 all'ora finisca in carcere: "Ha messo in pericolo la vita di molte persone, perché il tunnel del Gottardo è uno dei tratti più pericolosi d
Via Sicura
3 anni
Stop alle purghe di Via Sicura. Ecco altre due storie di follia burocratica. I coniugi che, rientrati in Svizzera dopo anni trascorsi in Spagna, vengono mandati dal medico del traffico perché dichiarano di avere una leggera forma di diabete. E la donna be
Via Sicura
3 anni
Se questo è un pirata... Finalmente una sentenza ticinese che speriamo contribuisca a sgretolare quell'aberrazione del diritto chiamata 'Via Sicura'. Il giudice Villa al secondo processo dice no a un anno di galera per un 'corsaro della strada'. L'avvoca
Via Sicura
3 anni
La Grande Purga di Via Sicura, un altro racconto di un lettore: "Ore 24,15, sto rientrando a casa in auto. Incrocio una pattuglia della polizia e noto che fa retromarcia e inizia a seguirmi. Poi vedo i lampeggianti. Patente, ha bevuto? No. Test dell'alcol
Via Sicura
3 anni
"Via Sicura: un trattamento da dittatura. Se commetti un’aggressione o una rapina, il giudice valuta le circostanze e calibra la pena. Se sei un'automobilista che infrange le regole della strada no"
Via Sicura
24.02.2017 - 10:030
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Coglione! Il pirata della strada tedesco condannato in contumacia a Lugano mostra fiero la sua patente: "Della Svizzera ho visto tutto e non ho bisogno di tornarci". Nell'estate del 2014 superò 10 volte nel Gottardo raggiungendo punte di 200 all'ora

Il 42enne tedesco, Christian R., condannato lunedì scorso alle Criminali di Lugano a 30 mesi di detenzione, di cui 12 da scontare, ha ancora la patente e la esibisce tutto fiero in una foto pubblicata dal Blick

LUGANO – Coglione! Non ci sono altre parole per definire questo personaggio che dopo tutto quello che ha fatto ancora si bulla e prende per i fondelli polizia, giudici e tutti noi. Del resto, la faccia corrisponde all’epiteto. Il 42enne tedesco, Christian R., condannato lunedì scorso alle Criminali di Lugano a 30 mesi di detenzione, di cui 12 da scontare, ha ancora la patente e la esibisce tutto fiero in una foto pubblicata dal Blick.

Questo coglione, ripetiamo la parole, nell'estate del 2014 aveva effettuato una decina di sorpassi nella galleria del Gottardo, percorrendola a una velocità media di 135 all’ora e toccando punte di 200. Poi era poi fuggito a folle velocità dalla polizia che lo inseguiva ed era infine stato bloccato nella galleria del Ceneri.
Si era giustificato dicendo che aveva fame e voleva arrivare a Como per le 11 di sera. Naturalmente al processo non si è presentato, ma dopo la condanna ha fatto pervenire il suo messaggio "La sentenza non mi interessa – ha detto al Blick -. Della Svizzera ho già visto tutto e non ho più bisogno di tornarci". Però intanto la sua BMW Z4 è ancora sotto sequestro in Ticino.

News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved