Politica e Potere
No Billag, i Giovani del PLR svizzero invitano a votare sì: "Oggi il servizio pubblico ha una posizione di monopolio. La tassa sulla SSR, cioè il canone, non è proporzionata all'utilizzo. E senza l’accettazione dell’iniziativa non ci sarà nessuna riforma"
I Giovani liberali radicali svizzeri (GLRS) hanno preso posizione oggi, nel corso della loro assemblea dei delegati, in favore dell’iniziativa "No Billag"
foto: TiPress/Gabriele Putzu
BERNA - L’iniziativa “No Billag” scalda gli animi e infuoca i dibatti ormai da settimane. I Giovani liberali radicali svizzeri (GLRS) hanno preso posizione oggi, nel corso della loro assemblea dei delegati, in favore dell’iniziativa e si dichiarano “molto contenti della discussione che sta scaturendo sul tema. Grazie a GLRS, è nato finalmente un dibattito serio intorno al servizio pubblico. Il dibattito politico e sociale che è stato promesso al popolo dopo la votazione sulla Legge sulla radio televisione può ora avere inizio, per sviluppare nuove idee adatte all’era dei media digitali”.

Le nostre priorità

Per GLRS, si legge nella nota stampa del movimento, “la libertà del consumatore nello scegliere di quali media fruire, quando e per quale prezzo è fondamentale, così come la garanzia della pluralità mediatica nel nostro Paese. Il panorama audiovisivo nazionale non può contemplate una posizione di monopolio come oggi, bensì orientarsi e svilupparsi secondo la richiesta del mercato. Il servizio pubblico odierno non garantisce tale libertà. Vi sono inoltre aspetti finanziari di questa imposizione che per molti consumatori che non possono essere trascurati. La tassa per il mantenimento del monopolio della SSR non è proporzionata all’utilizzo. Il potere di acquisto di molti lavoratori viene così ridotto in modo sproporzionato e inutile. Questo è ciò che GLRS vuole cambiare”.

Una campagna basata sui fatti

I Giovani liberali radicali, prosegue la nota, “sanno che senza l’accettazione dell’iniziativa non ci sarà nessuna riforma del servizio pubblico, che rappresenterebbe una boccata di ossigeno per molte famiglie. Nonostante sia stato presentato un piano B, la SSR si rifiuta di discuterne. Con questo atteggiamento sarà impossibile avere un dibattito sul servizio pubblico come invece promettono i contrari all’iniziativa. Con una campagna ridotta e indipendente, GLRS cercherà di convincere il popolo delle proprie priorità. A tale scopo, si concentrerà sulle argomentazioni basate sui fatti, un approccio che, nella campagna svoltasi finora, è stato decisamente assente”.





Pubblicato il 20.01.2018 16:56

Guarda anche
Politica e Potere
Il settimanale del PLR attacca: “Forse dovremmo chiedere al sommo Legolas di trasformarsi in oracolo a cui rivolgersi prima di prendere qualsiasi decisione. Sicuramente avremmo una Svizzera migliore … o forse è stato solo un abbaglio postumo del periodo carnascialesco?”
Politica e Potere
Il percorso scolastico di questi giovani è stato più travagliato sin dalla scuola dell’obbligo. È indicativo che nell’anno scolastico 2008/2009 solo il 10.9% di loro, in III media frequentava il livello attitudinale (corso A) di matematica, a fronte del 59.5% del resto della coorte. Ben il 12.5% di questi giovani seguiva il corso pratico (l’attuale differenziazione curricolare) al posto di questa materia, a fronte di solo l’1.9% dei loro coetanei
Politica e Potere
Nel corso del dibattito durissimo l'intervento del capogruppo della Lega Daniele Caverzasio: "Qui siamo di fronte a una sagra del pressapochismo. Se qualcuno ha preso dei soldi dei ticinesi che secondo la legge non gli spettavano, sarà compito di questo Parlamento chiederli indietro!”
Politica e Potere
Il procuratore generale sulle indennità dei ministri: "È senz’altro discutibile (dal profilo della diligenza) che il Governo approvi delle norme (relative alla propria remunerazione) senza leggerle, approfondirle, discuterle e senza controllare il successivo rispetto delle procedure di approvazione previste dalla legge, limitandosi a demandare il compito al cancelliere"