Cronaca
Allarme arvicole! I topi campagnoli stanno colonizzando i campi di tutta la Svizzera e in molti casi è troppo tardi per fermarli
Ogni esemplare divora circa 150 grammi di radici al giorno, è in grado di far morire anche gli alberi e una famiglia di arvicole può scavare galleria lunghe fino a 70 metri
BERNA - Una piccola ma seria minaccia inquieta i contadini svizzeri. Si tratta dell'arvicola, meglio nota come topo campagnolo, che sta colonizzando in maniera massiccia i campi. In parecchi casi è già troppo tardi per lottare contro questa vera e propria invasione.

Nell'80% dei terreni analizzati dall'Istituto federale di ricerca agricola Agroscope, i roditori hanno rafforzato la propria presenza in confronto all'anno scorso, scrive il sito www.agricoltura.ch.
Nella maggior parte dei siti osservati, è stata oltrepassata la soglia critica dei 40 individui per ettaro. Quando ciò accade - spiega Agroscope - diventa difficile combattere la propagazione. La ragione dell'esplosione del numero di arvicole è legata alle temperature miti dell’anno scorso, che hanno favorito la riproduzione delle arvicole.

Ogni esemplare divora circa 150 grammi di radici al giorno, è in grado di far morire anche gli alberi e una famiglia di arvicole può scavare galleria lunghe fino a 70 metri. Questo roditore, che misura una ventina di centimetri coda compresa, si riproduce in maniera rapidissima: una coppia può dare alla luce fino a 100 piccoli.



Pubblicato il 15.04.2018 18:52

Guarda anche
Cronaca
Il nuovo svincolo di Mendrisio, quello che porta ai centri commerciali, costringendo gli automobilisti a una lunga ‘circonvallazione’ su via Penate, non ha portato solo benefici. Alcuni negozianti della zona sono esasperati e furibondi, denunciano forti perdite sulla cifra d’affari e hanno lanciato una petizione
Cronaca
L'uomo ha fatto riferimento al documentario realizzato dallo chef stellato nel 2017. Prima che rimuovesse il filmato, le immagini hanno fatto il giro del web
Cronaca
Il procuratore della contea di Carver ha chiuso le indagini sulla scomparsa del cantautore statunitense senza colpevoli. Non esistono, infatti, prove su chi procurò gli antidolorifici oppiacei. GUARDA IL VIDEO
Cronaca
Erano passate da poco le 15.15 di giovedì quando il ragazzo, per causa che l’inchiesta coordinata dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier dovrà stabilire, è stato urtato da un treno in transito senza fermata