ULTIME NOTIZIE News
Coronavirus
10.01.2022 - 15:080

Djokovic twitta: "Nonostante quello che è successo voglio restare e provare a competere agli Australian Open"

La famiglia del tennista in una conferenza stampa denuncia il trattamento subito. "Ora è finalmente libero. Lui è per la libertà di scelta". "In aeroporto gli hanno sequestrato il cellulare e volevano fargli firmare la revoca del visto"

SERBIA - Novak Djokovic non è stato arrestato, è a Melbourne e ha twittato la sua gioia per poter partecipare agli Australian Open, come ha deciso oggi il Tribunale che gli ha accordato la possibilità di rimanere nel paese. 

"Sono lieto e grato che il giudice abbia annullato la mia cancellazione del visto. Nonostante tutto quello che è successo, voglio restare e provare a competere agli AustralianOpen. Rimango concentrato su quello. Ho volato qui per giocare in uno degli eventi più importanti che abbiamo davanti ai fantastici fan", ha scritto.

La sua famiglia intanto ha parlato in conferenza stampa. Il fratello Djordje ha esclamato come "il diritto e la giustizia hanno vinto, Novak è finalmente libero. Lui è solo per la libertà di scelta. Ora mi aspetto che la decisione del giudice venga rispettata. Amiamo l'Australia, Novak ama l'Australia. Non abbiamo altro che amore per quel paese. Sono sicuro che il sistema giudiziario australiano era sotto pressione enorme, il mondo intero stava guardando. Grazie alle persone in tutto il mondo, le persone che si sono sollevate in difesa di Novak. Inoltre, grazie al giudice Kelly, che è stato completo e neutrale".

Il padre, che aveva usato parole pesanti, paragonando il figlio a Spartaco, ha denunciato il trattamento subito dal tennista; "Novak è stato accolto all'aeroporto e non ha ricevuto alcun diritto. Gli hanno tolto tutti i diritti che ha come essere umano. Lo hanno convinto a firmare un documento di revoca del visto e lui si è rifiutato di firmarlo perché non c'era motivo. Non aveva fatto nulla per contribuire a quella situazione. Non gli hanno concesso il diritto di comunicare con i suoi avvocati, con la sua squadra, con i suoi amici. È rimasto solo con lui per diverse ore. Gli hanno persino portato via il telefono".

La mamma dal canto suo ha spiegato quanto è stato difficile per lei, sapendolo in quella situazione. "La sentenza di oggi è la più grande vittoria della sua carriera".

Potrebbe interessarti anche
Tags
australian open
successo
djokovic
voglio
successo voglio restare
successo voglio
voglio restare
australian
open
australia
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved