TiPress
Cronaca
07.10.2019 - 11:100

A Cadenazzo il murale più grande della Svizzera opera di due artisti ticinesi. Voluto da Rocco Cattaneo insieme alla pista di BMX

L'opera è stata realizzata sulla facciata del centro pacchi della Posta di fronte alla nuova pista che nel weekend ospiterà i campionati europei. Guarda foto e video

CADENAZZO – È stato presentato oggi ai media presso il nuovo stabile edificato dalla STISA SA a Cadenazzo, il futuro Centro Pacchi Regionale (CPR) della Posta, la più grande pittura murale mai realizzata in Svizzera, opera degli artisti ticinesi Nevercrew all’anagrafe Pablo Togni e Christian Rebecchi (insieme nella foto). 

Il lavoro, che si estende su 168 metri di lunghezza per 6 di altezza, vuol essere una riflessione a più ampio raggio, oltre i confini politici e geografici, sulla relazione tra uomo e natura. I problemi ambientali e climatici sono infatti una questione con cui l’uomo oggi è quotidianamente chiamato a confrontarsi. A Cadenazzo, Nevercrew ha realizzato Shifting machine, una composizione d’insieme di straordinario impatto visivo, nella quale la componente meccanica genera, interagisce e comunica con gli elementi naturali.

I macchinari composti da elementi ben riconoscibili, di recupero ma spesso inventati e a volte surreali, rappresentano la logica di movimenti, ritmi e forze che costituiscono il frutto della condizione umana contemporanea. Generano una nuova e immaginaria catena di montaggio che genera e trasforma la materia, rappresentano l’artificiale creato dall’uomo chiamato a relazionarsi con il mondo naturale, sintetizzato da aria, acqua e terra.

L’opera voluta da STISA SA e dal suo amministratore delegato Rocco Cattaneo, va a valorizzare il territorio con un progetto di rilievo, realizzato da artisti locali riconosciuti a livello mondiale. “A questo enorme edificio industriale occorreva dare un tocco di amore, un soffio di fantasia. In altre parole questa enorme parete verso ponente non bisognava lasciarla sola, grigia e triste. Abbiamo poi pensato a diverse possibilità con i nostri progettisti e alla fine abbiamo deciso di dare carta bianca ai Nevercrew artisti ticinesi che già conoscevo da tempo”, ha aggiunto Rocco Cattaneo.

Assieme al murales è stato presentato anche il primo catalogo dei due artisti, curato dallo storico d’arte Rudy Chiappini (nella foto con Cattaneo) e realizzato con il sostegno di Stisa SA. 

La Nevercrew

Pablo Togni nasce a Bellinzona nel 1979; Christian Rebecchi a Lugano nel 1980. Fin dalla metà degli anni Novanta lavorano insieme e danno vita al duo artistico NEVERCREW. Il loro percorso artistico si è sviluppato principalmente nel contesto dell'arte urbana tramite la realizzazione di dipinti murali, installazioni e sculture. Il loro lavoro si svolge a livello internazionale e ruota attorno all'idea di confronto associata al rapporto tra uomo e natura e tra l'uomo ed i "sistemi", con un accento sulle tematiche ambientali e sociali.

Dopo essersi diplomati a Brera nel 2005 ed aver deciso di proseguire come artisti indipendenti, si concentrano ulteriormente sul loro percorso: i principali lavori di questo periodo sono il dipinto "Octopus" nello Skatepark di Lugano (CH) e la performance "The inkmaster" live durante la "Volvo Art Session" alla stazione centrale di Zurigo (CH).

News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved