Cronaca
04.12.2019 - 13:340

Maxi retata di polizia nei locali a luci rosse: 19 prostitute su 27 sprovviste del regolare permesso di lavoro

L'operazione di Polizia, avvenuta nel Mendrisiotto, Locarnese, Luganese e Bellinzonese, ha portato alla denuncia di numerose donne straniere e di due gerenti

TICINO – La Polizia cantonale comunica che ieri sera, in collaborazione con l'Ufficio dell'ispettorato del lavoro (UIL), è stata effettuata un'ispezione in quattro locali notturni del cantone.

Nel primo esercizio pubblico, nel Mendrisiotto, sono state controllate 8 donne (3 ucraine, 1 ceca, 2 lituane e 2 rumene). Di queste, solo una era in possesso del regolare permesso, mentre 3 sono state denunciate al Ministero Pubblico per infrazione alla Legge federale sugli stranieri ("Entrata, partenza o soggiorno illegali e attività lucrativa senza autorizzazione"). 

Nel secondo locale, nel Luganese, al momento del controllo erano presenti 8 donne (2 ucraine, 3 bielorusse, 1 italiana, 1 lettone e 1 bulgara). Di queste, 3 sono risultate in regola, le altre 5 sono state denunciate per infrazione alla Legge federale sugli stranieri.

Nel terzo locale, nel Bellinzonese, sono state controllate 5 donne (2 ucraine, 1 brasiliana, 1 italiana e 1 lituana). Tre di queste dovranno rispondere di infrazione alla Legge federale sugli stranieri, mentre i 2 responsabili del locale sono stati denunciati per incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegali e per impiego di stranieri sprovvisti di permesso. 

Nel Locarnese, infine, nel quarto locale, al momento del controllo erano presenti 6 donne, tutte brasiliane. Le stesse sono state denunciate sempre per infrazione alla Legge federale sugli stranieri. 

Nell'ambito delle proprie competenze, l'Ufficio dell'ispettorato del lavoro (UIL) procederà ora con ulteriori accertamenti. Ministero pubblico e Polizia cantonale vaglieranno inoltre la posizione dei vari responsabili dei locali notturni. Parallelamente proseguiranno le verifiche per accertare eventuali altre situazioni di irregolarità.

News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved