Aarau
2
SC Kriens
1
1. tempo
(2-1)
Basilea
Servette
16:00
 
Lugano
Sion
16:00
 
S.Gallo
Young Boys
16:00
 
Aarau
CHALLENGE LEAGUE
2 - 1
1. tempo
2-1
SC Kriens
2-1
 
 
23'
0-1 SADRIJAJ ALBIN
1-1 SCHNEUWLY MARCO
36'
 
 
2-1
38'
 
 
SADRIJAJ ALBIN 0-1 23'
36' 1-1 SCHNEUWLY MARCO
38' 2-1
Venue: Stadion Brugglifeld.
Turf: Natural.
Capacity: 8,000.
Ultimo aggiornamento: 23.02.2020 15:40
Basilea
SUPER LEAGUE
0 - 0
16:00
Servette
Ultimo aggiornamento: 23.02.2020 15:40
Lugano
SUPER LEAGUE
0 - 0
16:00
Sion
Ultimo aggiornamento: 23.02.2020 15:40
S.Gallo
SUPER LEAGUE
0 - 0
16:00
Young Boys
Ultimo aggiornamento: 23.02.2020 15:40
Politica e Potere
01.10.2014 - 09:190
Aggiornamento : 19.06.2018 - 15:41

Frontalieri, che duello tra Quadri e Bertoli. Il ministro: "Ingarbuglia le carte". Il parlamentare: "Lavori per il Ticino o per la Lombardia?"

Il presidente del Consiglio di Stato critica il postulato del deputato, approvato dal Consiglio Nazionale, che chiede di tassare i lavoratori frontalieri secondo le aliquote d'imposta italiane

BELLINZONA - Sulla tassazione dei frontalieri è duello a distanza tra Manuele Bertoli e Lorenzo Quadri. Al presidente del Consiglio di Stato non piace il postulato del Consigliere Nazionale leghista che chiede di tassare i lavoratori frontalieri secondo le aliquote d'imposta italiane. La proposta di Quadri, contro il parere del Consiglio Federale, ha incassato il sostegno della maggioranza del Consiglio Nazionale. E dopo il sindacato UNIA, anche Bertoli, intervistato Radio Fiume Ticino, avanza le sue critiche: "Cambiare l'imposizione dei frontalieri vuol dire ingarbugliare le carte. Da quello che so c'è una trattativa in corso tra Italia e Svizzera che investe anche questa dimensione. La questione dei ristorni non la decidiamo da soli, la dobbiamo discutere con l'Italia. Procedere unilateralmente, abolendo gli accordi del '74, è possibile: bisogna capire quanto sia conveniente. Il diavolo in queste scelte si nasconde nei dettagli." E ancora: "Il Ticino ha bisogno di almeno 30mila persone che vengono a lavorare dall'estero, altrimenti i posti sarebbero vuoti. Oggi ce ne sono però il doppio e questo crea un problema di concorrenza. Ma attenzione, la concorrenza di cui parlo è quella generata non tanto da chi cerca lavoro, ma da chi lo offre: i datori di lavoro sanno di poter avere mano d'opera che costa poco, generalmente competente. Il problema, quindi, sta nel manico: la Svizzera per sua scelta politica ha un diritto del lavoro molto debole. Non ha salari minimi, non conosce la protezione contro i licenziamenti, ha un sistema complicato di convenzioni collettive... e questo lascia mano libera a chi vuole sfruttare la situazione. Magari la proposta di Quadri potrebbe portare i frontalieri a chiedere salari un po' più elevati. Però in tempo di crisi economica gli italiani vengono perché qui c'è lavoro e da loro non c'è." Durissima la replica del deputato leghista: "Quindi - scrive Quadri su Facebook - ricapitolando le posizioni di Bertoli: - nessun contingentamento per i frontalieri, che devono continuare ad essere assunti a scapito dei ticinesi senza alcun limite; - la votazione del 9 febbraio (plebiscito del 70% dei ticinesi) è da rifare perché i votanti "non hanno capito" (perché, si sa, chi non vota a sinistra notoriamente è un po' cretino); - i frontalieri devono continuare ad essere privilegiati fiscalmente così da potersi proporre a salari assolutamente inarrivabili per i residenti; - il postulato per tassare i frontalieri secondo le aliquote italiane, votato in Consiglio nazionale anche dai rappresentanti del PSS, è una ciofeca; - non bisogna in alcun modo tutelare il nostro mercato del lavoro dall'invasione da sud perché "bisogna aprirsi"; - 60 milioni in più all'anno nelle casse cantonali fanno schifo". Quindi, la stoccata finale: "Domanda da un milione: ma Bertoli fa il presidente del Consiglio di Stato o lavora per la Regione Lombardia?"
Potrebbe interessarti anche
News e approfondimenti Ticino
© 2020 , All rights reserved