ULTIME NOTIZIE News
Politica e Potere
29.07.2022 - 16:060

I Giovani UDC contro la "woke culture": boicottate UBS

Diego Baratti: “Siamo di fronte ad una nuova ed inedita forma di tirannia e dobbiamo combattere un feroce conformismo intollerante, che agisce proprio in nome della tolleranza”

LUGANO – “La misura è colma. I Giovani UDC hanno deciso di lanciare a livello nazionale una campagna contro l’ideologia woke e la cancel culture, rea di imporre un modo di vivere e di pensare contro le nostre libertà”. Inizia così una presa di posizione odierna dei Giovani UDC che intendono opporsi a quella che ritengono una deriva sociale e politica. Tra le richieste formulate dal movimento giovanile dell’UDC c’è anche quella a boicottare l’UBS. Ecco la nota integrale con alcune dichiarazioni del presidente dei Giovani UDC Ticino, Diego Baratti.

Troppo bianchi per il reggae

Lo scorso 18 luglio, un bar alternativo bernese, la Brasserie Lorraine, ha deciso di annullare un concerto di una band a causa di una appropriazione culturale.  La colpa della band? Essere bianchi e suonare reggae, con tagli di capelli rasta e indossando vestiti africani. A quanto pare, per l’ideologia di sinistra Woke non è sufficiente limitarsi a escludere le opinioni sgradevoli o non condivise - ora anche le semplici apparenze esteriori stanno diventando oggetto di discussioni sul razzismo ipocrita. Ma non è proprio l'attribuzione esclusiva di caratteristiche personali individuali come lo stile di vita (abbigliamento, musica, acconciatura) a un gruppo di persone con una certa origine e colore della pelle che è nella sua forma più originale razzista e stereotipata?

I Giovani UDC presentano denuncia penale

Per questo motivo, i Giovani UDC Svizzera hanno deciso di presentare una denuncia penale contro gli organizzatori del concerto annullato, per violazione della legge antirazzismo. Infatti, il razzismo non può e non deve essere visto unicamente in una direzione: con l’annullamento del concerto siamo davanti a un caso di discriminazione contro i bianchi.

La "Woke Culture" in Svizzera ha raggiunto il suo apice in termini di astrusità e distacco dalla realtà. I sostenitori di sinistra di questa mentalità proibizionista non solo vogliono controllare ciò che pensiamo, leggiamo, ascoltiamo e diciamo, ma ora i concerti vengono addirittura cancellati perché i membri di una band indossano acconciature sgradevoli o hanno il colore della pelle sbagliato.

Invitiamo a disdire i vostri conti da UBS

Purtroppo, anche le grandi aziende Svizzere non sono immuni dalla cultura woke. Anche la grande banca UBS è caduta vittima di un attivismo politico intollerante, emettendo regolamenti interni “woke” astrusi e dannosi. UBS ha emanato un regolamento linguistico interno per garantire che la comunicazione sia "neutrale rispetto al genere". Queste regole contengono un catalogo che elenca le presunte "parole codificate al maschile" negative che devono essere evitate. Termini innocui come "attivo", "sfida" o "obiettivo", che fanno parte del nostro uso linguistico, agli occhi di UBS sono considerati "parole maschiliste", che dovrebbero essere sostituite da espressioni femminili o neutre.

Per i Giovani UDC una cosa è chiara: non vogliamo più che gli apostoli del giogo come l'UBS ci dicano come esprimerci in modo politicamente corretto e neutrale dal punto di vista del genere, cosa mangiare e come trascorrere il nostro tempo libero. Non vogliamo nemmeno essere discriminati e stigmatizzati solo perché abbiamo un'opinione diversa. Siamo stufi di questa dannosa rieducazione al politicamente corretto e quindi invitiamo anche tutte le persone fisiche e giuridiche in Svizzera a fare disdire il proprio conto da UBS. In questo modo, potremmo incoraggiare UBS a continuare a svolgere la propria attività bancaria e ad abbandonare l'ipocrita attivismo politico.

Una nuova forma di tirannia

Non solo lo troviamo sbagliato, ma consideriamo questi sviluppi una seria minaccia alla nostra cultura liberale. I circoli culturali woke vogliono dirci come pensare, parlare e vivere. Che uno trovi la canzone bella o piuttosto di cattivo gusto è irrilevante. L'unica cosa che conta è che ognuno possa ascoltare o suonare ciò che più gli aggrada. “Di fatto, ci troviamo di fronte ad una nuova ed inedita forma di tirannia” afferma Diego Baratti, presidente dei Giovani UDC Ticino e responsabile campagne dei Giovani UDC Svizzera “e ora dobbiamo combattere un feroce conformismo intollerante, che agisce proprio in nome della tolleranza”.

 

Potrebbe interessarti anche
Tags
giovani
ubs
culture
forma
giovani udc
woke culture
udc
woke
tirannia
diego baratti
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved