WAS Capitals
ANA Ducks
01:00
 
WAS Capitals
NHL
0 - 0
01:00
ANA Ducks
Ultimo aggiornamento: 19.11.2019 00:18
Salute e Sanità
16.02.2019 - 11:430

Ecco l'sms di Sanvido: "Ti basta chiedere uomini e mezzi di cui necessiti". Per il Cardio sarebbe "abuso di autorità"

"Ti offriamo il primariato di cardiologia EOC e altro", ha scritto il presidente dell'EOC al primario del Cardiocentro. Il Corriere del Ticino svela i contenuti della lettera inviata al Governo e al Ministero Pubblico

LUGANO – Una lettera al Governo ed una segnalazione al Ministero Pubblico, riservandosi anche una querela nel caso in cui dagli accertamenti richiesti al Consiglio di Stato emergesse che l’EOC fosse a conoscenza dell’sms di Paolo Sanvido e delle sue intenzioni.

La Fondazione Cardiocentro vuol vederci chiaro. Il tutto comincia da un messaggio telefonico che Paolo Sanvido, presidente del CdA dell’EOC, ha inviato a Giovanni Pedrazzini, co-primario del Cardiocentro. “Ciao Giovanni, per me il primario e direttore CCT sei tu. Quando vuoi e alle tue condizioni ti offriamo il primariato Cardiologia EOC e altro. Ti basta chiedere uomini e mezzi di cui necessiti. Con stima immutata. Paolo”, è il testo.

Come si sa, da mesi ormai Cardio e EOC sono un po’ ai ferri corti a causa della questione dell’eventuale assorbimento dell’ospedale del cuore nell’ente pubblico: si andrà anche alle urne su questo.
Il patrocinatore della Fondazione Cardiocentro, Marco Bertoli, ha immediatamente scritto al Governo, con copia al Procuratore Generale Andrea Pagani. La missiva è stata pubblicata stamane dal Corriere del Ticino. “Egli (Sanvido, ndr) - scrive l'avvocato Bertoli - si è arrogato poteri assoluti e allettato il primario con l’offerta di condizioni senza limiti. Condizioni illimitate, naturalmente, da soddisfare con il denaro pubblico”. Un sms che ha rilevanza giuridica e istituzionale.

Per il legale del Cardiocentro  “l’inopportunità e la slealtà concorrenziale dell’agire di Paolo Sanvido sono palesi, ma da una prima analisi giuridica potrebbe profilarsi anche un reato penale perseguibile d’ufficio” per abuso di autorità. Infatti “il reato appare pienamente tentato, e solo grazie alla pronta negazione dell’avvicinato, il danno non si è consumato. L’intenzionalità è evidente”.

Se, appunto, dalla verifiche del Governo si venisse a sapere che non è stata un’iniziativa solitaria di Sanvido, il Cardio sarebbe pronto a sporgere denuncia per concorrenza sleale. Tanto per cominciare, una segnalazione è partita. “Non potendo escludere che nell’agire del presidente dell’EOC si prefigurino reati di natura penale perseguibili d’ufficio, il presente scritto viene inviato per conoscenza anche al procuratore generale Andrea Pagani”, precisa il legale, che vede “ un atteggiamento che pone dei seri e gravosi interrogativi, dal profilo etico, amministrativo e di gestione del denaro dei contribuenti”.

Potrebbe interessarti anche
Tags
eoc
sanvido
cardiocentro
sms
cardio
paolo
pubblico
governo
uomini
basta chiedere
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved