ULTIME NOTIZIE News
Cronaca
24.02.2022 - 16:250
Aggiornamento: 17:14

Cassis: "Neutralità non significa indifferenza". E Berna inasprisce le sanzioni contro Mosca

Dura condanna del presidente della Confederazione contro l'attacco della Russia all'Ucraina: "La crisi riguarda tutta l'Europa"

BERNA - “Neutralità non significa indifferenza”. È questo il titolo con il quale Ignazio Cassis ha illustrato la posizione della Svizzera, dopo l’azione militare scatenata dalla Russia contro l’Ucraina. Il presidente della Confederazione è intervenuto nel pomeriggio con una dichiarazione ai media 

“Oggi è una giornata triste come non ne vedevamo da tanto tempo – ha detto Cassis – Una giornata che non avremmo mai voluto vedere. Sul suolo europeo è iniziata un conflitto armato, una situazione che malgrado tutti gli sforzi diplomatici non siamo riusciti ad evitare. La crisi riguarda tutta l’Europa”. 

“Il Consiglio federale - ha aggiunto il presidente - condanna l’intervento militare della Russia ed è molto preoccupato per la popolazione ucraina. Il conflitto è già costato la vita a molte persone. Con l’intervento la Russia ha violato in maniera flagrante gli accordi internazionali e violato l’integrità territoriale di uno Stato”. 

Quindi, il passaggio forse più atteso dell’intervento, quello sulle sanzioni contro Mosca: “Le sanzioni emanate ieri dall’UE, di tipo finanziario e a livello di viaggio rivolte a tre banche e a 363 membri del Parlamento russo, vengono in parte assunte dalla Confederazione”. In particolare, ha aggiunto Cassis, verranno inasprite nel settore finanziario.

Ma il vero pacchetto di ritorsioni - annunciate come “senza precedenti” - l’Unione Europea lo metterà sul tavolo verosimilmente questa sera. E allora anche per la neutrale Svizzera verrà il tempo delle scelte difficili…

Potrebbe interessarti anche
Tags
russia
mosca
berna
sanzioni
significa indifferenza
cassis
indifferenza
neutralità
significa
ucraina
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved