ULTIME NOTIZIE News
Politica e Potere
10.06.2022 - 10:310

Giuseppe Abbatiello: "Bici e monopattini, a Locarno la legge non è uguale per tutti"

Il consigliere comunale del PPD commenta la riposta del Municipio a una sua interpellanza: "La prossima volta che mi capita di incappare in un’infrazione stradale con la macchina mi aspetto di essere “sensibilizzato” non essendo recidivo…."

Di Giuseppe Abbatiello (da Facebook) *

Di seguito il mio commento alla risposta del Municipio di Locarno all’interpellanza "La legge è uguale per tutti?" presentata da me e da altri 10 consiglieri comunali:

La stagione estiva è alle porte ed il bel tempo porterà ad un incremento importante della mobilità lenta, con tutte le conseguenze positive e purtroppo anche negative che ne derivano. Questa interpellanza nasce dalla necessità di tutelare la mobilità lenta, ed in modo particolare quella dei pedoni dalla mobilità indisciplinata e pericolosa di alcuni utenti di monopattini o di biciclette. Questi ultimi con velocità inadeguate, con distanze laterali insufficienti e con tanto altro mettono in pericolo soprattutto i pedoni, che oramai più che tollerare devono sopportare dei rischi già per una semplice passeggiata, qui finiscono le parole e dovrebbero cominciare i fatti.

Poi passeggiando si scopre che alcuni utenti, per esempio di biciclette, portano a spasso al guinzaglio i loro cani facendoli correre in qualche modo dietro alla loro bicicletta mentre pedalano, qui finiscono le parole e dovrebbero cominciare i fatti. Sono deluso e insoddisfatto della risposta ricevuta dal Municipio alla mia interpellanza “La legge è uguale per tutti?”.

Dalle risposte ottenute si intravvede che certi ciclisti e certi utenti di monopattini possono scorrazzare sulle strade e sui marciapiedi senza nessun rispetto per i pedoni e per le norme della circolazione stradale:

La differenza tra le multe comminate agli automobilisti (ca. 22’000 all’anno) e ai ciclisti e/o utilizzatori di monopattini (ca. 30 all’anno) la dice lunga sui controlli. È inutile che nella risposta il Municipio spiega che i dati non si possono paragonare perché per gli automobilisti sono comprese anche le multe di parcheggio.

Allora perché nella risposta non sono stati forniti i dati delle multe paragonabili, per esempio suddivise tra tipi di infrazione, se riteneva che il paragone non fosse adeguato?

Ma ancora più sorprendente è la risposta alla domanda numero 4: i ciclisti e gli utilizzatori dei monopattini vengono sanzionati solo se recidivi, sennò vengono solo “sensibilizzati”!

Cosa significa? Certi utenti della strada vengono solo sensibilizzati in caso di violazione delle norme della circolazione stradale mentre altri vengono sistematicamente sanzionati? Non mi pare che la legge permetta ciò.

La prossima volta che mi capita di incappare in un’infrazione stradale con la macchina mi aspetto di essere “sensibilizzato” non essendo recidivo….

Infine, la risposta numero 4.1 è disarmante: i controlli per ciclisti e utenti di monopattini si effettuano praticamente solo dietro segnalazione degli abitanti. Vale anche per gli automobilisti? Ovviamente si tratta di una domanda retorica…

Questo mi conferma che al momento a Locarno la legge NON è uguale per tutti! Qui finiscono le parole e dovrebbero cominciare i fatti!

* consigliere comunale PPD Locarno

Tags
giuseppe
locarno
risposta
municipio
legge
interpellanza
ca
monopattini
giuseppe abbatiello
abbatiello
News e approfondimenti Ticino
© 2022 , All rights reserved