Lurà, da oltre 15 anni collaboratore dell’EOC e attualmente vicedirettore dell’Ospedale Regionale di Lugano. Bressan vanta una lunga carriera dirigenziale nel settore dentale
A destare interesse sono soprattutto il lavoro e l'approccio fortemente innovativo della rete di primo soccorso ticinese, grazie alla quale nel 2017 il Ticino ha registrato un tasso di sopravvivenza del 45% in caso di arresto cardiaco.
A livello strategico, la Clinica Luganese Moncucco intende svilupparsi e crescere qualitativamente nei settori dove le competenze e i servizi sono già sviluppati e apprezzati dai pazienti e dai medici invianti del territorio. Servizi come la chirurgia viscerale, l’urologia, la medicina interna, la geriatria e l’oncologia hanno registrato negli anni un costante aumento dell’attività, indicatore di fiducia e di gradimento del lavoro svolto, si legge nel commento al bilancio 2017
Il Functional movement screen è uno screening dove vengono analizzati 7 movimenti base che interessano tutto il corpo (tronco, arti superiori ed inferiori). I movimenti vengono valutati qualitativamente e viene attribuito un punteggio da 0 a 3 per ognuno di essi
Ai promotori, nel frattempo, si sono aggiunte altre firme "pesanti": sei Consiglieri Nazionali, sindaci, Gran Consiglieri e Consiglieri Comunali. Ma pure rappresentati della società civile come Daniele Finzi Pasca, Bigio Biaggi e il vescovo emerito di Lugano Pier Giacomo Grampa. Ecco la lista completa
Nota del sindacato: "Le difficoltà finanziarie esistenti hanno conseguenze negative e non garantiscono lo sviluppo dell’EOC”
Il vicedirettore sanitario del Cardiocentro, per la prima volta, prende posizione duramente dopo il comunicato diramato ieri sera dall'Ente Ospedaliero sul futuro dell'ospedale del cuore: "Tutto si traduce in una grande delusione, con un approccio da parte dell’Ente che già definisce quello che dovrebbe essere il futuro del Cardiocentro. Io credo invece che questo lavoro non possa essere realizzato nell’ambito di un’ottusità amministrativa e politica”
“È difficile immaginare - afferma il papà dell’ospedale del cuore - che la bradiaritmia sia la causa della morte. Pur non conoscendo il caso, si può invece ipotizzare che il capitano della Fiorentina sia morto ad esempio per una fibrillazione ventricolare”
Mossa clamorosa dell'istituto fondato da Tiziano Moccetti che si appella al Governo e all'Esecutivo luganese per superare il conflitto in atto con l'Ente ospedaliero: "Aiutateci a garantire il mantenimento e lo sviluppo del Cardiocentro che tutti conosciamo"
Video
Il Sorvegliante dei Prezzi ha insistito sulla necessità di trasparenza sui costi e ha ideato un sito che paragona i prezzi per i 20 trattamenti ospedalieri stazionari più frequenti e sulla qualità delle cure. La Clinica Luganese: "noi da anni siamo attenti al contenimento dei costi"
“Siamo molto contenti di avere il Prof. Auricchio nella nostra squadra – ci ha dichiarato il Decano della Facoltà, Prof. Bianchetti – perché ne conosciamo meriti scientifici e ne apprezziamo l’impegno e l’esperienza nell’insegnamento. Per usare una metafora calcistica, abbiamo arruolato un top-player”
Un operaio di 45 anni salvato dalla morte grazie alla politica aziendale della Shell che impone la presenza dell'apparecchio. Claudio Benvenuti, direttore di Ticino Cuore: " La società ha dimostrato di non preoccuparsi solo dell’aspetto economico o commerciale, ma anche della salute dei suoi operai"
Il fatto che il metabolismo dei lipidi funzioni come benzina per sostenere la macchina tumorale non era mai stato chiarito in dettaglio e questa scoperta apre quindi nuovi e inattesi scenari nella terapia contro il cancro
È chiaro che che siamo di fronte a qualcosa che rientra nel campo dell’impossibile. Difficile capire cosa sia successo, ma si tratta di un errore decisamente pacchiano. Anche se l’importo è di piccolo entità: poco più di duecento franchi
A fronte di questi dati, si legge in una nota stampa diramata dall’Ufficio del medico cantonale, con l’intento di contenere l’impatto dell’influenza e meglio proteggere le persone più vulnerabili, da quest’anno vengono pubblicate “delle raccomandazioni sull’utilizzo delle mascherine per le strutture sanitarie degenti e per i servizi di assistenza e cura a domicilio. Le raccomandazioni hanno lo scopo di ridurre la trasmissione del virus influenzale nel contesto delle cure"
Daniela Soldati: "A causa del nuovo tariffario medico nel 2018 avremo un buco di mezzo milione di franchi. Queste decisioni politiche ci danneggiano. Siamo stati costretti a intervenire”
Gallery
Il medico: “Vogliamo far capire al paziente che è al centro della nostra attenzione, insegnargli ad essere un paziente: non vogliamo che si abbandoni nelle mani di un medico, ma che sia protagonista della propria guarigione, anche nell’affrontare l’intervento… E queste secondo me non sono sole le nuove frontiere dell’anestesiologia, ma anche quella della medicina generale e d’urgenza”
La presidente della Commissione sanitaria del Gran Consiglio: "Il percorso è appena iniziato ma difficilmente la politica potrà ignorare questo rapporto. Il parere è stato sottoscritto dal professor Raffaele Rosso e dagli altri primari, non è che stiamo parlando proprio degli ultimi arrivati…"
Intervista al dottor William Pertoldi, responsabile del nuovo ambulatorio di Moncucco: "Alcuni pensano di poter gestire il 90enne come se fosse un adulto. Noi non dobbiamo solo occuparci del paziente ma anche delle famiglie. Da una parte la difficoltà maggiore è quella di non banalizzare certe problematiche, dall’altra dobbiamo essere capaci di far capire che determinate situazioni croniche, non possono essere risolte. L'obbiettivo è la qualità di vita"
Una commissione composta dai primari dell'Ente ospedaliero e del Cardiocentro - coordinati dal professor Rosso - afferma che l'istituto di Tiziano Moccetti dovrà mantenere la sua indipendenza anche dopo il 2020, quando scadrà la convenzione con l'EOC
Il Consigliere Nazionale UDC: "Sentire dalla bocca del professor Moccetti in televisione che si è sentito umiliato, credo rappresenti una sconfitta per tutto il sistema socio sanitario ticinese. È un’affermazione che dovrebbe far riflettere tutti”"
“È qui che voglio vivere”. Con questo slogan Tertianum vuole definire che nelle sue strutture si offre casa a persone con un proprio vissuto, casa dove potranno continuare a vivere secondo le proprie abitudini ed esigenze mantenendo un elevata qualità di vita
Lettera del papà del Cardiocentro: "Ora vedremo, se e in quale modo, tutto questo sentimento popolare verrà recepito dall’Ente ospedaliero. Quello che io chiedo all’EOC è chiarezza. Una chiarezza che purtroppo è venuta a mancare in tutti questi anni e anche nei tempi più recenti. Preferisco che mi dicano “vogliamo disfare il Cardiocentro”, piuttosto che continuare su questa strada fatta di rinvii e tentennamenti"