Wil
0
Aarau
2
1. tempo
(0-2)
Wil
CHALLENGE LEAGUE
0 - 2
1. tempo
0-2
Aarau
0-2
 
 
3'
0-1 SCHNEUWLY MARCO
 
 
4'
0-2 TASAR VAROL
SCHNEUWLY MARCO 0-1 3'
TASAR VAROL 0-2 4'
Venue: IGP Arena.
Turf: Natural.
Capacity: 6,958.
Ultimo aggiornamento: 22.04.2019 14:39
Cronaca
18.01.2019 - 17:150

Parla l'ex BR Alvaro Lojacono Baragiola: "La "consegna" all'Italia come proposta dalla Lega equivarrebbe a una deportazione alla boliviana"

L'ex terrorista delle Brigate Rosse rompe il silenzio con un'intervista a TicinOnline: "L'Italia si è sempre mossa in una logica di vendetta, come si è ben visto anche nel caso Battisti

BERNA - “L’Italia non ha mai chiesto la mia estradizione alla Svizzera, ed una “consegna” come la richiede la Lega dei ticinesi equivarrebbe a una deportazione alla boliviana, che la Confederazione non prevede”.

A parlare è Alvaro Lojacono Baragiola, 63 anni, ex terrorista delle Brigate Rosse con passaporto svizzero. Il suo nome è tornato agli onori della cronaca dopo l’arresto di Cesare Battisti. Di lui hanno parlato sia la stampa italiana che quella ticinese. E in Ticino contro di lui si sono scagliati il Consigliere Nazionale leghista Lorenzo Quadri e il presidente del PPD Fiorenzo Dadò. Anche a causa del suo impiego presso l’Università di Friburgo.

Lojacono Baragiola ha scontato in Svizzera una condanna per i suoi crimini legati al terrorismo rosso. Ma su di lui pende un ergastolo da parte della giustizia italiana. Una sentenza collegata al delitto Moro: l’allora 22enne Baragiola partecipò infatti all’agguato di via Fani a Roma dove venne rapito il presidente della Democrazia Cristiana.

Dopo vent’anni di silenzio la redazione di Ticinonline è riuscita a strappargli un’intervista. “Sono passati 40 anni - racconta Lojacono Baragiola - e l’Italia si è sempre mossa in una logica di vendetta, come si è ben visto anche nel caso Battisti, e non ha mai rinunciato a un quadro giuridico d’eccezione. In una giustizia normale la "certezza della pena" vale anche per il detenuto: io sono stato scarcerato quasi venti anni fa, e sto ancora come prima dell’arresto, senza sapere se un giorno o l’altro mi riarrestano o mi riprocessano per qualcosa”.

L’ex terrorista si dice pronto ad accettare l’ergastolo, se la giustizia elvetica decidesse di dar seguito alla sentenza italiana (ma è l’Italia che deve farne richiesta e non l’ha mai fatto): “L’accetterei senza obiezioni, almeno metteremmo la parola fine a questa vicenda”.

Quanto all’agguato di via Fani, queste le considerazioni di Lojacono Baragiola: “Ogni volta che il tema è rilanciato dai media associandolo al mio nome ricevo insulti e minacce. È una pena supplementare, non ci posso fare niente. Ci sono memorie collettive diverse ed in conflitto tra loro, e nessuna sarà mai condivisa da tutti. Entriamo nel cinquantenario del lungo ’68, dopo mezzo secolo si dovrebbe poter trattare le cose storicamente, ma non è così, sembra che i fatti siano avvenuti ieri. C’è stata una "linea della fermezza" lanciata dal PCI al tempo del sequestro Moro, continuata poi con le leggi d’emergenza e con la politica della vendetta, che in questi giorni ha raggiunto livelli impensabili con l’esibizione del detenuto-trofeo. (…) Non vedo perché parlare con chi mi considera ancora oggi terrorista e nemico pubblico. Che non sono. Ma non è un tabù, ne parlo con storici e ricercatori con cui si può discutere, solo lontani dalla propaganda e dalle fake-news si può ritrovare un senso storico”.

3 mesi fa Estradare Baragiola per la strage di Via Fani? L'avvocato Galfetti: "Impossibile, perché...". Ed ecco come la Procura ticinese spiegò nel 2005 cosa si poteva e non si poteva più fare sul delitto Moro
3 mesi fa “Basta complicità con un terrorista!”. Lorenzo Quadri si scaglia contro Alvaro Lojacono Baragiola, che lavora all’Uni di Friborgo. Ecco la sua storia
Tags
italia
lojacono baragiola
baragiola
terrorista
giustizia
via
boliviana
alvaro lojacono
ex terrorista
battisti
News e approfondimenti Ticino
© 2019 , All rights reserved