TiPress
Politica e Potere
23.03.2021 - 17:570

Officine, non tutti credono ai 300 posti di lavoro. Da Martignoni Polti all'MPS, ecco i dubbi

"Specchietto per le allodole? Tempistica sospetta. Proprio stasera, in concomitanza con il video dibattito de laRegione...". tweetta l'ex sindaco. E L'MPS: "I lavoratori non sanno nulla e a diffondere la notizia è il PLR..."

BELLINZONA – In molti esultano per la notizia diffusa stamattina che le Officine di Castione impiegheranno 300 persone anziché le 200-230 previste. Ma non tutti sono convinti. Per qualcuno si tratta di una notizia fatta uscire a scopi elettorali.

Il primo a esprimere un parere simile è l’ex sindaco e candidato per l’UDC Brenno Martignoni Polti, che tweetta: “Specchietto per le allodole? Come diceva Andreotti: a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca. Tempistica sospetta. Proprio stasera, in concomitanza con il video dibattito de laRegione...”. Secondo nostre fonti, infatti, nel dibattito mandato in onda stasera dal sito del quotidiano bellinzonese, con Branda, lo stesso Martignoni, il municipale liberale Gianini e Pronzini verrebbe espresso il dubbio che alla fine gli impiegati delle Officine saranno addirittura meno di quanti citati nella Dichiarazione d’intenti sottoscritta fra le parti (Ferrovie, Cantone e Città di Bellinzona) del 2017.

Anche l’MPS non le manda a dire, anzi. “La notizia, neanche a farlo apposta (?) non poteva cadere in un momento più propizio, per cercare di dare fiato alla truppa municipale (tutti a rischio di seggio) della città di Bellinzona e ai partiti di riferimento di Zali e Vitta (autori di questa strabiliante dichiarazione) che, come tutti possono vedere e hanno visto, stanno annaspando alla grande in questa campagna elettorale per le Comunali, a cominciare da Lugano. Che poi la notizia sia stata diffusa attraverso un comunicato del PLRT di Bellinzona la dice lunga sulla vera natura di queste informazioni e getta un’ombra di discredito (ulteriore) sulla politica delle FFS che, così sembrerebbe, ora affidano al PLRT la loro politica di comunicazione”. Un fatto che ritengono incredibile è che i diretti interessati, i lavoratori, non sappiano nulla.

Perché 300? L’MPS ipotizza: “Ancora e solo fumo negli occhi, utile solo a cercare di far dimenticare, grazie a questa cortina, una semplice verità: e cioè che l’operazione Officina, avviata e conclusa in questa legislatura, si chiuderà con una perdita di posti di lavoro di circa il 50%; e se questa notizia dovesse, per delirio di ipotesi, confermarsi nel 2026 (ma a sparare balle non vi è pericolo, visto che tutto questo si potrà verificare tra due legislature,…quindi nessun municipale rischia, saranno tutti felici pensionati) vorrà dire che la perdita di posti di lavoro sarà stata “solo” del 30%. Complimenti”.

News e approfondimenti Ticino
© 2021 , All rights reserved